Santa Maria, Donna del cammino

Santa Maria, Donna del cammino, segno di sicura speranza e di consolazione per il peregrinante popolo di Dio, come dice la Lumen Gentium parlando di te. Facci capire come dobbiamo cercare, più sulle tavole della storia che sulle mappe della geografia, le carovaniere dei nostri pellegrinaggi. È su questi itinerari che crescerà la nostra fede. Con le cartine geografiche è … Continua a leggere

Servi inutili a tempo pieno

“Anche tu per evangelizzare il mondo”: il Signore ce l’ha anche con te. La sua mano tesa ti ha individuato nella folla. E’ inutile che tu finga di non sentire, o ti nasconda per non farti vedere. Quell’indice ti raggiunge e ti inchioda a responsabilità precise che non puoi scaricare su nessuno. “Anche tu”. Perché il mondo è la vigna … Continua a leggere

Dammi, Signore un’ala di riserva.

Voglio ringraziarti, Signore, per il dono della vita.  Ho letto da qualche parte che gli uomini sono angeli con un’ala soltanto: possono volare solo rimanendo abbracciati.  A volte nei momenti di confidenza oso pensare, Signore, che anche Tu abbia un’ala soltanto, l’altra la tieni nascosta… forse per farmi capire che Tu non vuoi volare senza me. Per questo mi hai … Continua a leggere

L’eucarestia alla base della contempl-attività

Attenzione: non bastano le opere di carità, se manca la carità delle opere. Se manca l’amore da cui partono le opere, se manca la sorgente, se manca il punto di partenza che è l’eucarestia, ogni impegno pastorale risulta solo una girandola di cose […] dobbiamo essere dei contempl-attivi, […] cioè della gente che partendo dalla contemplazione lascia sfociare sempre il … Continua a leggere

Convivialità delle differenze

«Il genere umano è chiamato a vivere sulla terra ciò che le tre Persone divine vivono nel cielo: la convivialità delle differenze. Che significa? Nel cielo, tre persone mettono tutto in comunione sul tavolo della stessa divinità, tanto che a loro rimane intrasferibile solo l’identikit personale di ciascuno, che è rispettivamente l’essere Padre, l’essere Figlio, l’essere Spirito Santo. Sulla terra, … Continua a leggere

Lettera ad un fratello Marocchino

Lettera al “Fratello marocchino”. Perdonami se ti chiamo così, anche se col Marocco non hai nulla da spartire. Ma tu sai che qui da noi, verniciandolo di disprezzo, diamo il nome di marocchino a tutti gli infelici come te, che vanno in giro per le strade, coperti di stuoie e di tappeti, lanciando ogni tanto quel grido, non si sa … Continua a leggere

Auguri

Fratelli e sorelle carissimi, nel farvi gli auguri di un Santo Natale, vi propongo un testo di Don Tonino Bello. Auguri Scomodi “Carissimi, non obbedirei al mio dovere di vescovo, se vi dicessi “Buon Natale” senza darvi disturbo. Io, invece, vi voglio infastidire. Non sopporto infatti l’idea di dover rivolgere auguri innocui, formali, imposti dalla routine di calendario. Mi lusinga addirittura … Continua a leggere